acqua ArteMuse ArteMUse Editrice Castalide Elisabetta Bagli Oliviero Angelo Fuina orme Orme sull'acqua prefazione Presentazione

Presentazione ufficiale di “Orme sull’acqua”, la nuova silloge poetica di Oliviero Angelo Fuina

Presentazione ufficiale di “Orme sull’acqua”, la nuova silloge poetica di Oliviero Angelo Fuina

Presentazione ufficiale di “Orme sull’acqua”, silloge poetica di Oliviero Angelo Fuina
La collana Castalide di ArteMuse presenta Orme sull’acqua , silloge poetca di Olivero Angelo Fuina.
Orme sull’acqua è composta da liriche nelle quali ci sono apparizioni improvvise di paesaggi, ora impervi e densi, ora incantati ed effimeri. Angoli di notte e di giorno vestiti da gentili figure, da visioni, da immagini che sono analisi e ricordi di lacerazioni passate o speranze future emerse dall’acqua affascinante e dolorosa. La silloge di Oliviero Angelo Fuina è un pellegrinaggio dell’anima in vari punti, quali l’amore, la notte e il giorno, la madre intesa come donna e terra, punti uniti dall’acqua che è vita. È un raccolto dei frutti maturi dell’uomo che ha passato le stagioni, mutando attraverso le luci e le ombre tipiche dell’esistenza, conferendole saggezza ed esperienza, interpretandola con versi di elevata qualità lirica.
Colui che leggerà Orme sull’acqua ascolterà una rapsodia leggera e intensa, frutto della grande purezza intellettuale e della straordinaria sensibilità che caratterizzano Oliviero Angelo Fuina, un vero poeta dei nostri giorni. (Dalla prefezione di Elisabetta Bagli)
Oliviero Angelo Fuina nasce in quel di Neuchâtel (Svizzera) nell’agosto del 1962 da famiglia italiana. Da sempre ristoratore, come da tradizione familiare, trova soddisfazione personale in ciò che la parola può portare in dote comunicativa. Lettore compulsivo fin da bambino, trova quasi subito naturale sfogo emotivo nella scrittura personale, nonostante il frequentare – imposto – di corsi professionali alberghieri e istituti tecnici commerciali. Solo nel 2005 comincia a proporre le sue composizioni poetiche sul web e ne ha un riscontro più che buono. Viene inserito con merito in molte antologie poetiche. In quel periodo comincia a cimentarsi anche in racconti brevi e scopre che anch’essi vengono accolti favorevolmente. Nel 2007 pubblica una prima silloge poetica che intitolaPoesie in cuffia, sulla suggestione di brani musicali “immortali”. Oliviero Angelo da allora si dedica ancora con più dedizione allo scrivere creativo. Solo nel 2011, però, pubblica quanto aveva scritto nel corso di quegli ultimi anni incentivato da siti che permettono l’autopubblicazione con facilità. E così nascono le seguenti raccolte poetiche pubblicate in proprio: Scampoli e Assenze, Cieli di carta, Vocali in apnea, Lido Venere – conchiglie all’anima, Blocco Note e Titoli di coda. Nello 2011 pubblica anche i suoi racconti brevi, intitolandoli Corti-Circuito (racconti brevi dal filo scoperto). Sull’onda di questo volersi proporre, pubblica anche C’è tempo e tempo – Improbabile Romanzo, scritto realmente quasi vent’anni prima, e Mah!, una serie di microcosmi paralleli di pensieri impostati su calembours e giochi di parole, che ricordano i giochi sperimentati dal gruppo Oulipo, ideato in Francia negli anni sessanta da Raymond Queneau. Prima di tutto questo pubblicare compulsivo, con l’amica e scrittrice Maria Capone (in arte Adrena) aveva scritto nel 2006 Il bacio di vetro, romanzo pubblicato nel 2011. L’uomo nudo con le mani in tasca è l’ultimo lavoro pubblicato da Oliviero Angelo, un’autobiografia nella quale espone il suo percorso interiore di crescita spirituale. Nel 2013 entra infine a far parte del Gruppo Editoriale D and M, nella divisione ArteMuse. Sposato e padre di un figlio di 13 anni, vive a Oggiono, in provincia di Lecco, ai bordi di un lago che caratterialmente ben lo rappresenta.
Se vuoi questo libro vai su Twins Store >Clicca qui<

You Might Also Like

2 Comments

Leave a Reply