Senza categoria

“Eugénie Grandet”, di Honoré de Balzac

“Eugénie Grandet”, di Honoré de Balzac

Eugénie Grandet di Honoré de Balzac è un romanzo nel quale viene ritratta la provincia francese all’epoca della Restaurazione. Vi si narra la storia della famiglia Grandet. I protagonisti di questa storia sono il papà Grandet e sua figlia Eugenia, attorno ai quali ruotano tutta una serie di personaggi minori che danno tono e carattere all’ambiente e all’epoca in cui vivono con esattezza e senso di viva realtà.
Papà Grandet è un uomo che grazie a uno spiccato senso degli affari e un’avarizia davvero unica è riuscito ad accumulare una grande fortuna approfittando di avvenimenti e situazioni; è un arrivista. Intorno a Grandet ruotano la serva Nanon, fedele e piena di risorse, sua moglie e sua figlia Eugénie contesa dai pretendenti di due famiglie in vista della città, i Cruchot e i Des Grassin. Entrambe le famiglie desiderano combinare un matrimonio con Eugénie per legarsi alla ricca famiglia e così ottener la dote della figlia di Garndet che sanno essere molto ma molto ingente. Eugenie Grandet è una ragazza sognatrice, desiderosa d’amore, devota, sensibile non bella, ma attraente per il suo modo di nessere quasi una santa. Durante una festa di compleanno organizzata in casa Grandet arriva all’improvviso Charles Grandet, nipote del vecchio Grandet che consegna allo zio una lettera del padre suicidatosi in seguito a un fallimento, lettera nella quale Grandet apprende la morte del fratello e le sue ultime volontà. Il fratello lo prega di prendersi cura della liquidazione del suo debito e di aiutare il figlio a trovar fortuna in India. Charles rimasto ospite presso lo zio inizia a far nascere nel cuore della giovane e dolce Eugénie un grande amore che sembra essere ricambiato dal giovane.
La storia gira intorno alle manovre del padre di Eugénie per allontanare il nipote e per perdere meno denaro possibile a causa del fallimento del fratello. Ma tutti i suoi sforzi alla fine risulteranno vani. È un affresco interessante sulla relazione esistente nella società dell’epoca tra la stessa società ed il denaro grazie alla descrizione dell’evoluzione dei caratteri dei personaggi che animano il libro Papà Grandet inflessibile, la bontà e l’altruismo nonché la progressiva disillusione di Eugènie e la trasformazione di Charles che da dandy si trasforma in gentiluomo divenendo poi personaggio interessato e freddo. Un tema universale che è sempre attuale. Nel romanzo c’è la soggezione che la madre e la figlia hanno per il papà Grandet, Nanon, l’inserviente devota, l’avidità di Grandet il cui esempio più eclatante è l’ultima scena accanto al letto di morte in cui l’avidità del vecchio si evince anche nel suo ultimo alito di vita. L’avità del padre viene mitigata dalla figura di Eugenia, devota figlia sola e succube di tanta indifferenza. Ne è stata fatta anche la trasposizione cinematografica dal regista Mario Soldati che vide protagonista nella parte di Eugénie Grandet la grande Alida Valli.
Elisabetta Bagli

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply